I falsi miti sulle COSTRUZIONI IN LEGNO

 

Di Costruzioni in legno ormai si parla quotidianamente, tant’è che è diventato un settore in forte espansione, raggiungendo numeri di tutto rispetto.

La ragione della diffusione sempre più capillare di richieste di Costruzioni in Legno è, da una parte, la sempre più salda qualificazione e competenza da parte delle aziende, che consente anche una veicolazione più solida di  informazioni sempre più chiare e pertinenti rispetto agli anni passati, ma dall’altra bisogna riconoscere la tendenza ad una predisposizione maggiore  della committenza verso nuovi modi di concepire l’edilizia, discostandosi dall’idea che l’edilizia tradizionale sia la miglior soluzione per fare i propri investimenti.

Perché la casa, si sa, è un vero e proprio investimento: economico o di vita che sia, costruire (o comprare) una casa è uno dei massimi esborsi per una famiglia media, pertanto avere la certezza che si stiano seguendo le giuste istruzioni diventa di fondamentale importanza, affinché ci si possa muovere e, soprattutto, farlo con le idee chiare e  con convinzione.

 

PERCHE’ LE CASE IN LEGNO

Esistono diversi motivi per arrivare a scegliere di seguire la strada che porta alla realizzazione di una Casa in Legno.

In genere, molto dipende da quello che è l’approccio d’insieme alla vita, perché chi sceglie una casa in legno, ha certamente molta più sensibilità nei confronti dell’impatto sull’ambiente e della sostenibilità. Ma capita spesso a molti committenti che, pur non avendo una particolare inclinazione  verso certi argomenti o questo tipo di  sensibilità, possano riscoprirsi interessati grazie ad un ascolto attento verso chi, a certe tematiche potrebbe farli avvicinare.

Sappiamo bene quanto nel settore dell’edilizia capiti, troppe volte, di trovarsi di fronte a situazioni di  incompetenza e speculazione: situazioni che, di certo, non fanno bene a nessuno, tanto più alle nostre tasche e, se vogliamo guardare al di là del nostro naso, hanno l’ infelice incombenza di diventare “colpevoli” di una superficialità che nel tempo può rivelarsi dannosa in molti ambiti.

Ecco perché è necessario che il committente possa avere le informazioni corrette che gli consentano di  poter fare la differenza.

Informarsi prima darà la giusta direzione e soprattutto non ci troverà impreparati di fronte a chi vorrà farci passare per buone tutte quelle “cattive opere” che, ad oggi, dovrebbero essere più che superate.

Del resto, quando si acquista un’auto o uno smartphone abbiamo un quadro completo di tutti gli aspetti che costituiranno la qualità del prodotto,  insieme agli sprechi, all’eventuale risparmio,  e ai consumi effettivi di ogni singolo componente.

Perché non dovrebbe essere cosi anche per le case?

Dunque, prima di parlare di pregi e difetti delle Costruzioni in Legno, ci preme soffermarci su tutta una serie di false credenze, e anche sui  legittimi dubbi che negli anni abbiamo raccolto da parte di chi, sentendo parlare di Wooden Houses, ha espresso le perplessità legate alla non conoscenza delle tecniche costruttive e  alle credenze dell’ immaginario collettivo, che associa le più moderne tecnologie costruttive ad una comune baita di montagna.

 

FALSI MITI

Esistono alcuni falsi miti sulle case in legno. Sono, per lo più,  dicerie legate all’immaginario collettivo che creano, però, disorientamento a chi si avvicina a questo tipo di soluzioni costruttive, magari perché coltiva il sogno di realizzare un’ abitazione ecologica e a basso impatto ambientale.

Vediamone qualcuno e proviamo a dare delle spiegazioni plausibili sul perché si tratti di informazioni errate.

 

  1. UNA BAITA DI MONTAGNA

Spesso ci è capitato, parlando di costruzioni in legno con la committenza, di trovarci di  fronte ad  affermazioni  del tipo: “ma le case in legno hanno le sembianze di una baita di montagna, in città forse non sono molto adeguate”.

Quando si pensa alle case in legno, l’immaginazione corre sul filo della memoria arrivando alle case legate alla tradizione costruttiva delle abitazioni di montagna, utilizzata prevalentemente nelle zone alpine. Tutto questo diventa fuorviante, soprattutto se a quel tipo di tradizione costruttiva  si associa, oltremodo, la precarietà  della stabilità e della  durabilità.

Il legno negli ultimi decenni, anche per merito dell’ incremento di tecniche costruttive legate alla  bioedilizia, ha iniziato a prendere piede come  materiale costruttivo  particolarmente adatto alla realizzazione di edifici di qualsiasi tipo.

Inoltre, esattamente come per le case in muratura, anche le case in legno vengono  collocate sulle fondamenta e sia le pareti che le parti strutturali, sia interne che esterne, sono completamente rivestite con materiali edili comuni.

Una casa in legno, infatti, risulta esteticamente identica ad una abitazione costruita con la tecnica tradizionali in laterizio, personalizzabile secondo necessità e desideri della committenza. Inoltre è possibile realizzare qualunque tipologia edilizia: dalle ville singole o bifamiliari alle case multipiano.

Qui puoi vedere un esempio di Costruzione in Legno

 

 

  1. UNA CASA PRECARIA
Esempio di casa in Legno nelle diverse fasi costruttive

Tra i falsi miti da sfatare, c’è quello che riguarda l’opinione diffusa che una casa in legno sia una casa temporanea, alla stregua di una baracca o di un ricovero per attrezzi e che,  pertanto, non necessiti di autorizzazioni per eseguirne la costruzione.

Niente di più sbagliato. Come abbiamo già detto, le case in legno si differenziano dalle tradizionali case in laterizio solo per la differente tipologia costruttiva, che prevede la struttura realizzata in legno e non in laterizio, ma per tutto l’iter progettuale e realizzativo non c’è nulla che faccia differenza per farla astenere dai regolamenti vigenti in  tema di permessi costruttivi.

 

 

 

 

Le Case in Legno sono, a tutti gli effetti, stabili, solide e resistenti e sono soggette alle  stesse norme delle case in muratura.

Si tratta infatti di edifici in pianta stabile per i quali è necessario avere un terreno  edificabile e tutte le autorizzazioni per costruire normalmente richieste. Inoltre  sono case dotate di tutti gli agi e le comodità di una  casa tradizionale e, anzi, beneficiano di un comfort abitativo di gran lunga superiore grazie proprio alla presenza del legno,  materiale termoisolante per eccellenza.

 

  1. INSETTI E MUFFE

Gli insetti xilofagi, ovvero i tarli e le termiti, non costituiscono assolutamente un pericolo.

I legnami utilizzati per la  realizzazione delle strutture portanti sono sottoposti a stagionature ed essiccazioni che eliminano ogni traccia di uova o larve, impregnai, poi, con sostanze naturali che fermeranno eventuali attacchi da parte di altri insetti.

Per quel che riguarda le muffe, queste si formano quando c’è ristagno di umidità nella casa,   ma nelle case in legno questo problema non si presenta in quanto il legno, materiale con potenti proprietà termoisolanti, mantiene un ambiente fresco durante l’estate e caldo in inverno e questo  impedisce la formazione di  umidità e muffa.

 

  1. TERREMOTI E INCENDI

 Una  credenza su cui è giusto rassicurare la committenza,  e che è più che altro un timore, riguarda la resistenza al fuoco ed ai terremoti delle Case in Legno

Per quel che riguarda la resistenza agli incendi, rispetto alle abitazioni costruite in acciaio e cemento  le case di legno bruciano solo in superficie e non crollano su se stesse. Il legno brucia molto lentamente, pertanto la parte superficiale carbonizza piano, rallentando il propagarsi delle fiamme.

Nel caso, invece,  del timore della non resistenza strutturale in caso di terremoti, è  importante      soffermarsi su un concetto fondamentale:  il legno è un materiale flessibile e leggero, in grado di  resistere alle sollecitazioni di un sisma. Inoltre, anche le case in legno, così come le case tradizionali in laterizio,  sono sostenute da una robusta struttura portante oltre che delle fondamenta in cemento  armato. Tutto questo le rende estremamente affidabili nel caso di eventi  sismici.

La resistenza delle Costruzioni in Legno ai terremoti anche di forte entità, è stata dimostrata dal Progetto Sofie  che nel 2007 ha effettuato un test su una palazzina in legno di 7 piani e 24 metri di altezza, posizionata su una piattaforma  per essere sottoposta alla stessa onda sismica che colpì Kobe il 17 gennaio 1995, considerata la più distruttiva per le opere civili. In quell’occasione, infatti, La terra tremò per 30 secondi a una magnitudo 7,2 sulla scala Richter e causò enormi danni a strade ed edifici, determinando  la morte di quasi seimila persone.

Qui potete vedere il video

 

  1. ACCESSO AL MUTUO

Fino a qualche anno fa, accedere ad un mutuo per la costruzione di una Casa In Legno era molto più difficoltoso. Le banche non aprivano le porte ad un settore poco riconosciuto in Italia e questo rendeva le cose più complicate.

Oggi, alla luce delle nuove normative varate dalla Commissione Europea per il clima e l’energia che prevedono, entro il 2030

  • una riduzione almeno del 40% delle emissioni di gas a effetto serra (rispetto ai livelli del 1990)
  • una quota almeno del 27% di energia rinnovabile
  • un miglioramento almeno del 27% dell’efficienza energetica

La realtà delle Case in Bioedilizia ha raggiunto un interesse elevatissimo da parte dei consumatori e, di conseguenza, anche le banche hanno deciso di adeguarsi a questa trasformazione culturale, istituendo dei muti dedicati all’ Edilizia Green, particolarmente vantaggiosi per gli incentivi legati alla progettazione e costruzione, oltre che all’acquisto, di abitazioni green, volti al risparmio energetico e alla salvaguardia dell’ambiente.

Tra le tipologie di mutuo per case in bioedilizia , esiste un mutuo dedicato che prevede il finanziamento per l’acquisto di edifici costruiti con strutture in Legno da aziende specializzate.

Affinché si possa accedere a questa tipologia di finanziamento, è necessario che l’immobile rispetti determinate caratteristiche e determinati  requisiti tecnici, ovvero:

  • solide fondamenta
  • classe energetica uguale o superiore ad A
  • impianti volti a una qualificazione energetica
  • isolamento termico che risponda ai dettami della bioedilizia
  • progettazione per una vita superiore ai 50 anni.

Gli Istituti di Credito che riconoscono questa tipologia di mutui sono molti, pertanto chi vuole comprare o costruire una casa in Legno secondo i principi dell’edilizia ecosostenibile può tranquillamente  farlo accedendo ai finanziamenti dedicati, a tasso agevolato.

 

Emanuela Gioia

 

 

 

Condividi l'articolo